Maria Saponara

DL SICUREZZA, SAPONARA: PIÙ SICUREZZA E LEGALITÀ A FAVORE DEI CITTADINI, ECCO IL DECRETO SALVINI

 

Roma, 5 nov - "Che i temi dell'immigrazione e della sicurezza siano stati gestiti fino a pochi mesi fa con grande incompetenza e leggerezza è sotto gli occhi di tutti. Altrettanto appare chiaro come il decreto in approvazione sia un atto conseguente, necessario e dovuto per ristabilire la giusta misura di ordine e di legalità. Grazie alle fallimentari politiche dei precedenti governi, la situazione è chiaramente sfuggita di mano e se ora ci ritroviamo città che vantano interi quartieri ostaggio della malavita, inaccessibili e invivibili per gli onesti cittadini, costretti spesso a barricarsi in casa propria, sappiamo a chi indirizzare le nostre lamentele. La percezione della sicurezza è stata ridotta a bassissimi livelli e per questo si è reso necessario da parte dell'attuale esecutivo intraprendere un percorso volto a restituire quell'ordine nelle nostre città e nella vita civile che sono venuti a mancare. Questo decreto legge non vuole essere, come afferma qualcuno, un provvedimento discriminatorio o peggio ancora che va a ledere i diritti umani; ha un intento ben preciso, rimediare cioè alla precedente mala gestione della sicurezza pubblica, ristabilendo le regole necessarie per una civile convivenza. È singolare che da una ben definita parte politica provengano critiche sulla conformità del provvedimento, così come le accuse di incostituzionalità contenute in diversi articoli di giornale, ricordano le stesse accuse mosse qualche mese fa in occasione della vicenda "Diciotti", il cui esito tutti ben conosciamo. Chi come me ha lavorato a questo decreto nelle commissioni parlamentari che se ne sono occupate, sa come le accuse di "caduta di civiltà" o di "smantellamento del sistema di integrazione" siano a dir poco risibili soprattutto se messe a paragone con il grado di civiltà ed integrazione espressi dai numerosi atti violenti che la cronaca ci ha consegnato ultimamente. Si è parlato di "norme riprovevoli", di spensierata e "pericolosa propaganda", che dovremmo "porgere delle scuse agli italiani". La realtà dei fatti dice che le scuse le debbono porgere semmai quelle forze politiche che, negli anni, hanno progressivamente scippato gli italiani del loro sacrosanto diritto alla sicurezza, in casa propria o in giro per le città. Il governo del cambiamento è andato dritto per la sua strada ed il decreto è approdato in Senato come atto dovuto nei confronti dei tanti cittadini per bene ed anche di tutti gli stranieri che dell'Italia hanno fatto la loro casa, lavorando onestamente e rispettandone le leggi: sono loro, spesso, i primi a chiedere legalità e sicurezza. Punti chiave della nostra provvedimento: il decreto soppianta la protezione umanitaria a favore di alcune fattispecie di permessi speciali, e questo in considerazione del fatto che di questo istituto, introdotto il Italia nel 1998, si è abbondantemente abusato; 23% contro il 7% di status di rifugiato, e il 4% di protezione sussidiaria. Non viene quindi leso alcun diritto umano, come qualcuno vuol far credere in quanto, la protezione internazionale, diversa dalla protezione umanitaria, resta garantita dall’art.10 comma 3 della Costituzione. Il decreto va poi a garantire gli Sprar solo agli aventi diritto, a coloro cioè a cui viene riconosciuto lo stato di rifugiato, la protezione sussidiaria o speciale e ai minori non accompagnati fino a conclusione della procedura di domanda di protezione. Un provvedimento teso a contenere la spesa pubblica che non produrrà l'elevato numero di clandestini che le opposizioni paventano; a tale proposito vale la pena ricordare che grazie ad una un'incisiva azione di governo e nello specifico del Ministro dell'Interno Matteo Salvini gli sbarchi sono grandemente diminuiti passando dai circa 122mila del 2017 ai circa 22mila del 2018, 87% in meno Ultimo ma non per questo minoritario è il capitolo che riguarda le forze dell'ordine; anche qui in soccorso arrivano i numeri: con fondi esclusivamente del Ministero dell'Interno, a cui quindi si potranno aggiungere fondi provenienti da altri Ministeri, sono stati destinati alla Polizia di Stato 10,5 milioni di euro per il 2018, e 36,65 milioni per ciascun anno dal 2019 al 2025; per il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco sono stati destinati 4,5 milioni per il 2018 e 12,5 milioni di euro per ciascun anno dal 2019 al 2025 con la previsione di andare ad effettuare con la prossima legge di bilancio 1500 assunzioni per coprire il 50% del fabbisogno effettivo di Vigili del Fuoco. Crediamo che i fatti valgano più di mille parole e di sterili polemiche: legalità e sicurezza da restituire ai cittadini sono per noi impegni irrinunciabili".

 

Lo afferma la senatrice della Lega Maria Saponara.

SENATORI

MASSIMILIANO ROMEO

NEWS       VIDEO

PAOLO TOSATO

NEWS       VIDEO

ENRICO MONTANI

NEWS       VIDEO

STEFANIA PUCCIARELLI

NEWS       VIDEO

CRISTIAN SOLINAS

NEWS       VIDEO

PAOLO ARRIGONI

NEWS       VIDEO

ROBERTO CALDEROLI

NEWS       VIDEO

LUIGI AUGUSSORI

NEWS       VIDEO

ALBERTO BAGNAI

NEWS       VIDEO

CLAUDIO BARBARO

NEWS       VIDEO

GIORGIO MARIA BERGESIO

NEWS       VIDEO

ANNA CINZIA BONFRISCO

NEWS       VIDEO

LUCIA BORGONZONI

NEWS       VIDEO

GIULIA BUONGIORNO

NEWS       VIDEO

STEFANO BORGHESI

NEWS       VIDEO

SIMONE BOSSI

NEWS       VIDEO

UMBERTO BOSSI

NEWS       VIDEO

LUCA BRIZIARELLI

NEWS       VIDEO

FRANCESCO BRUZZONE

NEWS       VIDEO

MAURIZIO CAMPARI

NEWS       VIDEO

STEFANO CANDIANI

NEWS        VIDEO

MASSIMO CANDURA

NEWS       VIDEO

MARIA CRISTINA CANTÚ

NEWS       VIDEO

MARZIA CASOLATI

NEWS       VIDEO

GIAN MARCO CENTINAIO

NEWS           VIDEO

WILLIAM DE VECCHIS

NEWS       VIDEO

ANTONELLA FAGGI

NEWS       VIDEO

ROBERTA FERRERO

NEWS       VIDEO

SONIA FREGOLENT

NEWS       VIDEO

UMBERTO FUSCO

NEWS       VIDEO

TONY IWOBI

NEWS       VIDEO

RAFFAELLA MARIN

NEWS       VIDEO

ROBERTO MARTI

NEWS       VIDEO

TIZIANA NISINI

NEWS       VIDEO

ANDREA OSTELLARI

NEWS       VIDEO

GIULIANO PAZZAGLINI

NEWS       VIDEO

EMANUELE PELLEGRINI

NEWS       VIDEO

PASQUALE PEPE

NEWS       VIDEO

SIMONA PERGREFFI

NEWS       VIDEO

CESARE PIANASSO

NEWS       VIDEO

SIMONE PILLON

NEWS       VIDEO

DAISY PIROVANO

NEWS       VIDEO

PIETRO PISANI

NEWS       VIDEO

MARIO PITTONI

NEWS       VIDEO

NADIA PIZZOL

NEWS       VIDEO

PAOLO RIPAMONTI

NEWS       VIDEO

ERICA RIVOLTA

NEWS       VIDEO

GIANFRANCO RUFA

NEWS       VIDEO

MATTEO SALVINI

NEWS       VIDEO

MARIA SAPONARA

NEWS       VIDEO

PAOLO SAVIANE

NEWS       VIDEO

ROSELLINA SBRANA

NEWS       VIDEO

ARMANDO SIRI

NEWS       VIDEO

ERIKA STEFANI

NEWS       VIDEO

DONATELLA TESEI

NEWS       VIDEO

GIANPAOLO VALLARDI

NEWS       VIDEO

MANUEL VESCOVI

NEWS       VIDEO

CRISTIANO ZULIANI

NEWS       VIDEO

Stampa Stampa | Mappa del sito
© GRUPPO LEGA NORD E AUTONOMIE PIAZZA MADAMA 1 00186 ROMA Partita IVA: