Giorgio Maria Bergesio

TRASPORTI, BERGESIO: TROVARE SOLUZIONE PER CRITICITÀ STRADA VALLE ROJA

 

Roma, 28 mar - "Ho segnalato al Senato e al Governo la situazione di criticità e le problematiche relative alla circolazione della route départementale 6204 della Valle Roja, che interessa il trasporto e lo scambio di merci tra le Regioni Piemonte, Liguria e sud-est della Francia. Mi riferisco all'ordinanza di divieto di transito per il traffico pesante emanata da parte dei francesi il primo settembre 2017. In quella data i sindaci della Valle Roja, in tutto cinque, presentarono presso la prefettura di Nizza una ordinanza congiunta con la quale decretarono la limitazione sulla RD 6204 nei rispettivi territori municipali ai veicoli aventi massa massima superiore alle 19 tonnellate. Un'ordinanza generica che indica in modo assolutamente scorretto ai trasportatori di scegliere quali itinerari alternativi il tragitto sulle autostrade a6 e a10, con un allungamento del viaggio di ben 202 km, 7 ore in più, ma soprattutto un costo aggiuntivo di ben 180 euro a viaggio. È scritto sul divieto che 'tempi e tragitto alternativo sarebbero minimi'. Queste assurde considerazioni, messe nero su bianco nelle ordinanze, non hanno preso minimamente in esame il traffico e il fabbisogno dei veicoli adibiti all'approvvigionamento tra le province di Cuneo, Imperia e la Costa Azzurra. L'ordinanza non è stata supportata da alcun dato statistico, sul reale utilizzo di questo valico strategico. Una decisione unilaterale di una gravità enorme e con ricadute inimmaginabili. Le cinque municipalità francesi interessate di fatto sono collocate in una lingua di territorio in cui transita una via di comunicazione internazionale, non una stradina comunale. Considerata la gravità del provvedimento emanato dai sindaci della Valle Roja, ritenuto da noi inopportuno e in contrasto con gli interessi produttivi e commerciali delle regioni interessate, si ritiene pertanto necessario ribadire la richiesta dell'annullamento dell'ordinanza n. 2017/01, come hanno già espresso le associazioni di categoria e le imprese produttive italiane. Proprio queste ultime hanno sottoposto la gravissima problematica viaria al Presidente del Consiglio Conte e al Ministro delle Infrastrutture Toninelli nel corso della visita di lunedì 18 marzo avvenuta per comunicare la ripartenza dei cantieri ai fini del completamento dell'Asti-Cuneo, dopo 7 anni di fermo. Il presidente Conte, recependo la documentazione si è impegnato ad affrontare la problematica nella prossima conferenza intergovernativa. Abbiamo il compito oggi di monitorare e vigilare affinché una soluzione venga definita e data una risposta concreta a tutti coloro che vivono e lavorano nei territori liguri, piemontesi e nella vicina Francia".

 

Lo ha dichiarato Giorgio Maria Bergesio, senatore piemontese della Lega, intervenuto in aula al Senato sulla situazione della strada Valle Roja.

AGRICOLTURA, BERGESIO: OBBLIGO ETICHETTATURA PER SALVAGUARDARE CONSUMATORI E PRODUTTORI MADE IN ITALY

 

Roma, 7 mar - "L'etichettatura obbligatoria è una nostra storica battaglia che finalmente diventa realtà, grazie al ministro Gian Marco Centinaio, al governo e alla maggioranza. La nostra è un'azione condivisa per tutelare le oltre 750 mila imprese agricole del Paese e le oltre 71 mila imprese che lavorano nell'alimentare e nella trasformazione dei prodotti alimentari. Un dato che rappresenta il 10% del Pil e che incide sull'export del nostro Paese. Identificare correttamente il prodotto italiano serve a dare maggior vigore alla parte iniziale della filiera, dove oggi c'è uno squilibrio di utili nei riguardi dei produttori, e fa sì che il consumatore, che nutre interesse verso il made in Italy, possa scegliere liberamente e senza diciture ingannevoli. Se diamo maggior valore all'inizio della filiera, riusciamo a invertire la rotta della decrescita delle aziende agricole, che nel 2017 ha visto oltre 200 imprese di piccole dimensioni chiudere i battenti. Il percorso dell'etichettatura è il metodo giusto, perché diventa forza trainante di un valore aggiunto che verrà dato al prodotto nella fase finale, fornendo le opportune garanzie di salubrità nella preparazione al consumatore, per il quale il prodotto italiano significa un prodotto sano, buono e genuino. L'agroalimentare è anche un forte importatore, con oltre 40 miliardi di euro l'anno di import: con l'identificazione corretta si aiuterà anche l'industria della trasformazione, con il prodotto italiano vero e quello importato correttamente. Il consumatore italiano consuma circa 160 miliardi di euro l'anno nell'agroalimentare, ci sono ampi spazi di crescita e noi desideriamo far crescere questo settore, con risposte concrete per difendere i produttori veri, la salvaguardia dell'ambiente, l'aspetto sociale legato ad agricoltori e piccoli produttori, salvaguardando anche le identificazioni geografiche protette, 850 nel nostro Paese, 295 nel food e 293 nel wine, riconosciute in tutto il mondo".

 

Lo ha dichiarato Giorgio Maria Bergesio, senatore della Lega, capogruppo Lega nella Commissione Agricoltura del Senato, oggi a Palazzo Madama nella conferenza stampa di presentazione delle nuove norme sull'etichettatura obbligatoria, assieme al Ministro dell'Agricoltura Gian Marco Centinaio e ai senatori della Lega Gianpaolo Vallardi (presidente Commissione Agricoltura del Senato) e Paolo Ripamonti.

PAC, VALLARDI/BERGESIO, NO A TAGLI INDISCRIMINATI, PIÙ TUTELE PER PRODOTTI ITALIANI

 

Roma, 5 mar - “Condividiamo le preoccupazioni espresse dal ministro Gian Marco Centinaio sulla riforma della Pac: siamo assolutamente contrari alla diminuzione indiscriminata di risorse per i nostri agricoltori, non possiamo accettare tagli e confidiamo che il Commissario possa dare risposte concrete alle perplessità nostre e delle categorie. La Pac rappresenta una delle entrate più importanti relativamente all’attività degli agricoltori e al loro ricavo legato alla produzione, è fondamentale e necessaria una maggiore tutela dei prodotti italiani. Abbiamo chiesto al Commissario Europeo Phil Hogan di portare attenzione all'Italia e di evitare di condividere scelte che ci penalizzino per i prossimi anni: non possiamo correre il rischio che i terreni vengano abbandonati con gravi ripercussioni su produzioni agroalimentari, sull'ambiente e, per molte aree, anche sul paesaggio. Il governo e la maggioranza stanno mettendo in campo il massimo impegno per difendere e valorizzare le produzioni italiane, ma non accettiamo che si chiedano maggiori sacrifici agli agricoltori senza garantire loro risorse adeguate”.

 

Lo dichiarano i senatori della Lega Gian Paolo Vallardi, presidente della Commissione Agricoltura del Senato, e Giorgio Maria Bergesio, capogruppo Lega in Commissione Agricoltura.

ASTI-CUNEO, BERGESIO/GASTALDI: BENE GOVERNO, AVANTI CON LAVORI SU OPERA FONDAMENTALE PER PIEMONTE

 

Cuneo, 22 feb - “Dopo anni di ritardi e scelte sbagliate dei governi precedenti, questo governo finalmente dà risposte concrete sul fondamentale collegamento della Asti-Cuneo. Le parole dell’esecutivo sul completamento dell’infrastruttura sono per noi motivo di soddisfazione, è un segnale positivo per un’opera attesa da tempo dalla provincia di Cuneo, come più volte da noi sostenuto in questi ultimi mesi - e come condiviso con lo stesso Ministro -a un costo enorme per le imprese, le famiglie e per tutti coloro che operano sul nostro territorio, con oltre 100 milioni di euro annuo stimati. Fin da subito, questo governo si è adoperato per trovare una soluzione all'insegna del buonsenso. Siamo certi che l’autostrada verrà conclusa in tempi brevi e faremo attenzione affinché ciò accada: è un risultato importante per un’opera che rappresenta l’unico vero collegamento autostradale con il nord est del nostro Paese per la provincia di Cuneo. Al Ministro abbiamo chiesto di prestare la massima attenzione al mantenimento delle aperture delle aree di servizio sulla tratta Torino-Savona, che rappresentano non solo un punto di sosta, ma anche un punto vendita di promozione e divulgazione dei prodotti e delle iniziative del nostro territorio”.

 

Lo dichiarano il sen. Giorgio Maria Bergesio e l’on. Flavio Gastaldi, parlamentari piemontesi della Lega.

SEGNALE TV CUNEO E PROVINCIA, BERGESIO: DOPO MIO QUESITO RAI FORNISCE RASSICURAZIONI SU MIGLIORAMENTO COPERTURA

 

Roma, 19 feb - "A seguito del mio quesito alla Commissione di Vigilanza Rai del 4 febbraio scorso in merito ai gravi problemi di ricezione del segnale televisivo che purtroppo da anni interessano la provincia di Cuneo, riconosciuti dalla stessa concessionaria, la Rai ha voluto fornire rassicurazioni circa il miglioramento della copertura. La diffusione è per la Rai non solo un obbligo da contratto di servizio, ma anche uno degli elementi essenziali per poter svolgere il servizio pubblico: l'azienda nella sua risposta ha evidenziato che è in corso un ampio processo di liberazione della 'banda 700'; nella Regione Piemonte, nelle more della definizione del piano complessivo di riordino, la Rai ha già avviato la fase di approvvigionamento necessaria all'estensione delle proprie reti 'tematiche' per ottenere livelli di copertura assimilabili alle migliori attuali pratiche, così da risolvere le problematiche di ricezione. Manterremo alta l'attenzione e vigileremo affinché questo problema venga risolto: i cittadini della provincia di Cuneo pagano regolarmente il canone Rai nella bolletta elettrica e hanno il diritto di usufruire del servizio".

 

Lo dichiara Giorgio Maria Bergesio, senatore piemontese della Lega.

AMBIENTE, BERGESIO: COMMISSIONI RICEVONO ANPCI SU CONSUMO SUOLO, ASCOLTARE VOCI PICCOLI COMUNI

 

Roma, 13 feb - "La voce dei piccoli comuni, per troppo tempo ignorata dalle istituzioni centrali, va ascoltata con attenzione. Per questo abbiamo incontrato, nelle Commissioni Ambiente e Agricoltura del Senato in seduta congiunta, la presidente dell'Associazione Nazionale Piccoli Comuni d'Italia (Anpci) Franca Biglio e il consulente Franco Drocco, in merito ai disegni di legge sul consumo del suolo. I comuni fino a 5000 abitanti sono una realtà importante del nostro Paese, che svolge un ruolo essenziale di presidio su oltre il 62% del territorio. Si tratta di 5544 Comuni, tra cui 29 comuni di Langhe e Roero patrimonio dell'Unesco, il 72% dei comuni italiani, che si trova ad affrontare difficoltà legate ai tagli alle risorse subiti negli ultimi anni dai governi precedenti e all'eccesso di carico burocratico. Accogliamo e facciamo nostri i loro suggerimenti circa il miglioramento della pianificazione del territorio italiano e l'agevolazione al riutilizzo del patrimonio edilizio esistente, ai quali affianchiamo grande attenzione per le loro indicazioni tecniche. Massimo impegno, da parte nostra, affinché le loro esigenze, in passato inascoltate o trascurate, possano finalmente trovare risposte concrete".

 

Lo dichiara Giorgio Maria Bergesio, senatore della Lega, capogruppo Lega in Commissione Agricoltura al Senato, a margine dell'audizione congiunta dei rappresentanti Anpci da parte delle commissioni Agricoltura e Ambiente di Palazzo Madama.

SENATO, SENATORI LEGA, OK COMMISSIONE AGRICOLTURA A DDL PER TUTELA PANIFICATORI E CONSUMATORI

 

Roma, 12 feb - "Sì a un provvedimento per la salvaguardia dei panificatori, realtà importante dell'economia italiana con oltre 26 mila imprese. La Lega nella Commissione Agricoltura ha dato il proprio parere favorevole ai disegni di legge relativi a disposizioni in materia di produzione e vendita pane, con l'obiettivo di garantire una maggiore tutela dei panificatori che seguono le norme, oltre alla salute e alla buona fede dei consumatori anche contro il rischio frodi. I provvedimenti rispondono all'esigenza, manifestata dalla categoria e dalla stessa Federazione Italiana Panificatori, di colmare una lacuna legislativa che dura da oltre 10 anni. I consumatori potranno essere informati sull'origine e sul processo produttivo impiegato, oltre che sulla qualità del pane, così da poter scegliere in maniera adeguata il prodotto; inoltre, mette a disposizione delle imprese della panificazione italiana strumenti di riconoscibilità che consentano loro di affrontare in maniera adeguata il mercato. Provvedimenti di buon senso, per offrire più trasparenza per i consumatori, più tutela per le imprese".

 

Lo dichiarano i senatori della Lega nella Commissione Agricoltura, Gian Paolo Vallardi, presidente della Commissione Agricoltura, Giorgio Maria Bergesio, capogruppo Lega in Commissione, Paolo Ripamonti e Rosellina Sbrana.

FRANCIA, CUNEO APPENDE BANDIERA, BERGESIO: SINDACO E PRESIDENTE PROVINCIA DOVREBBE PROTESTARE CON FRANCIA IN DIFESA DEI CUNEESI

 

Cuneo, 8 feb - "Anziché occuparsi di politica estera, il sindaco dovrebbe pensare prima ai cittadini di Cuneo e della provincia Granda di cui è presidente. Come territorio di confine, siamo i primi a subire le imposizioni contro l'Italia e a pagare le scelte sbagliate del governo francese: al Tenda controlla tutti i mezzi, a Modane ferma per ore i treni che trasportano anche i nostri lavoratori, senza dimenticare la situazione assurda a Ventimiglia. La Francia ha autonomamente applicato il divieto alla circolazione ai veicoli superiori alle 19 ton sulla RD 6204 della valle Roya, solo sul tratto francese, discriminando e penalizzando gli autotrasportatori Italiani. Il sindaco e presidente della Provincia Borgna, che subisce le decisioni che si ripercuotono sui cittadini, dovrebbe protestare, non esporre la bandiera, per lamentare i divieti sui trasporti, gli accesi limitati ai valichi, i controlli sui confini e sui treni, e l'aiuto pari a zero in tema di immigrazione. Come Lega, siamo assolutamente contrari a  questo falso buonismo di sinistra che non porta da nessuna parte, se non verso un'ulteriore sottomissione a ingerenze dei governi stranieri e a quest'Europa che non funziona".

 

Lo dichiara Giorgio Maria Bergesio, senatore piemontese della Lega.

L. ELETTORALE, BERGESIO/GASTALDI: BENE TAGLIO PARLAMENTARI, RIDUZIONE COSTI POLITICA, ISTITUZIONI PIÙ EFFICIENTI

 

Roma, 7 feb - "L'approvazione da parte del Senato della proposta di legge sulla riduzione del numero dei parlamentari è un'altra promessa mantenuta. In Europa, l'Italia è il secondo Paese per numero di parlamentari, dietro solo al Regno Unito. Questo provvedimento, una battaglia che la Lega conduce da anni, produrrà importanti risultati in termini di efficacia e di risparmi: ci sarà un taglio di 345 del numero dei componenti del Parlamento, meno 230 deputati e meno 115 senatori, con una diminuzione anche di quelli di nomina presidenziale e degli eletti all'estero. Disposizioni che avranno ricadute anche sui territori: per il Piemonte, la proposta prevede da 22 a 14 senatori (-36,4%, popolazione media per senatore 311 abitanti), da 23 a 15 per Piemonte 1 (-34,8%) e da 22 a 14 per Piemonte 2 (-36,4%): da 67 a 43 in totale. Il risultato sarà un notevole taglio dei costi della politica, un risparmio di 500 milioni di euro in cinque anni, ovvero più risorse da utilizzare per i cittadini, e organi istituzionali più snelli, più efficaci ed efficienti".

 

Lo dichiarano il sen. Giorgio Maria Bergesio e l'on. Flavio Gastaldi, parlamentari della Lega.

ALSTOM-SIEMENS, BERGESIO: ALSTOM SALVAGUARDI PRODUZIONI ITALIANE E STABILIMENTI SUL TERRITORIO

 

Roma, 6 feb - "Prendo atto della decisione Ue che ha bloccato il progetto di fusione tra Alstom e Siemens. La vicenda riguarda da vicino l'Italia e, in particolare, il territorio piemontese, data la presenza di Alstom con un centro di eccellenza a Savigliano, in provincia di Cuneo. Alla luce di quanto emerso occorre valutare il piano industriale dell'azienda: è opportuno che anche Alstom si assuma le sue responsabilità, garantendo fin da subito che le commesse per la produzione di treni italiani vinte dall'azienda vengano prodotte in Italia, e non esternalizzate al di fuori dei confini nazionali. Dal confronto con i sindacati è emerso che ormai il 70% della produzione viene effettuato fuori dall’Italia e solo il 30% a Savigliano: vigileremo e manterremo alta l'attenzione affinché l'azienda, che ha percepito finanziamenti dal governo italiano nell'ambito del piano dell'industria 4.0, investa nel nostro Paese, come non hanno mai fatto i Governo precedenti, tutelando gli stabilimenti produttivi, i posti di lavoro e l'indotto a essi collegati. Bisogna salvaguardare le nostre eccellenze produttive e i lavoratori: è necessario che il Governo ponga l'attenzione anche sulle attività dei fornitori che vincono appalti come questi, per i quali le produzioni devono essere effettuate in Italia".

 

Lo dichiara Giorgio Maria Bergesio, senatore piemontese della Lega che già il 26 gennaio ha depositato una interrogazione al senato verso il MISE.

RAI, BERGESIO: PROBLEMI SEGNALE TV IN PIEMONTE, INTERROGAZIONE IN COMMISSIONE VIGILANZA

 

Roma, 4 feb - "I cittadini della provincia di Cuneo, come tutti gli italiani, pagano regolarmente il canone Rai nella bolletta elettrica, ma molti di loro tuttora non possono usufruire del servizio: è un problema che va risolto. Per questo motivo ho presentato un quesito alla Commissione di Vigilanza Rai. La provincia di Cuneo è, purtroppo ormai da decenni, interessata da gravi problemi di ricezione del segnale televisivo Rai, che più volte sono stati rappresentati dalla Commissione di vigilanza e riconosciuti dalla stessa concessionaria. I dati emersi finora sono discordanti: secondo Rai Broadcast i piemontesi interessati dai problemi di ricezione sarebbero circa 50-60 mila; secondo il Corecom del Piemonte, invece, l’entità del disservizio sarebbe ben più ampia, con alcuni comuni - quali per esempio Castelletto Uzzone, Igliano, Montaldo Mondovì -  completamente scoperti dal segnale: almeno 50 mila nella sola provincia di Cuneo, pari all'8% della popolazione. Numeri preoccupanti che, come riportato dagli organi di stampa, rappresentano probabilmente una stima al ribasso, con tanti comuni che arrivano al massimo al 50% della popolazione. Serve fare chiarezza, anche alla luce di queste discrepanze tra dati Rai e regionali, per questo motivo ho chiesto alla Società concessionaria delucidazioni circa l’entità del disservizio, nonché di sapere come intendano risolvere in concreto i problemi di ricezione del segnale".

 

Lo dichiara Giorgio Maria Bergesio, senatore piemontese della Lega.

ALSTOM-SIEMENS, BERGESIO: ALSTOM FIORE ALL'OCCHIELLO DEL MADE IN ITALY, SALVAGUARDARE STABILIMENTO SAVIGLIANO

 

Roma, 29 gen. - "Ho presentato un'interrogazione al Ministro dello Sviluppo Economico riguardo al futuro dello stabilimento Alstom di Savigliano, azienda fiore all'occhiello del made in Italy, grazie al centro di eccellenza di Savigliano (Cuneo), dove si fabbricano i treni Pendolino, basati sulla tecnologia tilting ad alta velocità. Alstom e Siemens Mobility hanno iniziato un processo di fusione che porterebbe alla nascita di un nuovo gruppo, con un fatturato di oltre 16 miliardi di euro e considerato che nelle more dell'accordo si parla di una possibile cessione delle attività di sviluppo, progettazione, produzione e manutenzione del Pendolino, con ricadute sullo stabilimento di Savigliano. La Commissione europea per la concorrenza ha espresso perplessità sulla fusione dei due gruppi industriali e si pronuncerà a febbraio 2019 su questo dossier. Inoltre, le istituzioni del territorio e le diverse rappresentanze sindacali hanno avuto incontri con la dirigenza aziendale per capire il futuro dello stabilimento di Savigliano, esprimendo timore per la poca chiarezza dei prossimi piani industriali, che potrebbero portare alla possibile focalizzazione di Alstom su altri siti produttivi o altri prodotti, riducendo sensibilmente gli investimenti sul sito di Savigliano. Dal momento che il Ministero dello sviluppo economico ha organizzato un tavolo specifico sulla questione, mi sono rivolto al Governo con l'interrogazione n. 4-01158 per conoscere l'esito del tavolo ministeriale e quali iniziative il Ministro intenda porre in atto per salvaguardare il futuro dello stabilimento di Savigliano".

 

Lo dichiara Giorgio Maria Bergesio, senatore piemontese della Lega.

CONSUMO SUOLO, BERGESIO: ABUSIVISMO È PIAGA, IMPEGNO A CONTRASTARE FENOMENI RADICATI NEGLI ANNI

 

Roma, 15 gen. - "Ogni anno i dati resi noti da Istat nel rapporto Benessere Equo Sostenibile evidenziano come l'abusivismo edilizio sia una piaga che, in Italia, continua ad avere una diffusione senza paragoni, che la crisi economica ha persino contribuito ad aumentare. In dieci anni, dal 2007 al 2017, il numero di costruzioni abusive è più che raddoppiato: un dato preoccupante, che non può lasciarci indifferenti. Il nostro impegno per il settore è contrastare fenomeni radicati ormai negli anni e, al contempo, elevare sempre di più gli standard qualitativi dell'offerta. Serve mantenere alta l'attenzione, senza abbassare mai la guardia su un fenomeno che va combattuto, a tutti i livelli".

 

Lo dichiara Giorgio Maria Bergesio, senatore della Lega, a margine dell'audizione di ANCE da parte delle commissioni 9° e 13° riunite in relazione ai disegni di legge sul consumo del suolo.

TORINO, BERGESIO: SCRITTE VIGLIACCHE CONTRO SALVINI, NON CI FERMERANNO

 

Roma, 15 gen. - "Scritte offensive, intimidatorie e vigliacche contro il ministro Matteo Salvini. A Torino, in via Bligny, pieno centro cittadino, nelle scorse notti anonimi criminali hanno imbrattato alcuni muri per scrivere messaggi di odio e di morte contro il ministro Salvini, contro la Lega e contro le forze di polizia. "Odia la polizia Acab", Salvini boia", "Odia la Lega", "Salvini appeso" e altre frasi inaccettabili e ingiustificabili. Provano a intimidirci, ma non ci riusciranno. Questi parassiti devono vergognarsi, mi auguro che vengano presto identificati e puniti dalle autorità. Il ministro Salvini e la Lega vanno avanti, più forti che mai".

 

Lo dichiara Giorgio Maria Bergesio, Senatore piemontese della Lega.

AGRICOLTURA, SENATORI LEGA: GILET ARANCIONI, SBAGLIATO ACCUSARE IL MINISTRO CENTINAIO PER QUESTIONI ANNOSE

 

Roma, 4 gen - “Accusare il ministro dell'Agricoltura Gian Marco Centinaio per questioni annose, che sussistono da ben prima dell'insediamento dell'attuale Governo, sarebbe scorretto, oltre che poco rispondente alla realtà dei fatti. Il ministro Centinaio, così come il Governo e la maggioranza che lo sostengono, ha in questi sei mesi dato più risposte e ottenuto più risultati di quanti se ne siano visti, in materia di agricoltura, di tutela del Made in Italy e delle produzioni locali, nei precedenti cinque anni. Con impegno e serietà ci stiamo dedicando ad affrontare tutte le problematiche relative al settore, sempre ascoltando la voce degli operatori delle categorie e venendo incontro alle loro esigenze. Per il problema Xylella, nella legge di bilancio promulgata a fine 2018 è stato esteso il finanziamento di un ulteriore milione di euro per gli anni 2019 e 2020 per il reimpianto con piante tolleranti o resistenti al batterio, ai contratti di distretto per la realizzazione di un programma di rigenerazione dell'agricoltura nei territori colpiti, a conferma della massima attenzione per questa particolare criticità. Le sorti dell'agricoltura in Puglia, così come nel resto del Paese, stanno a cuore al ministro Centinaio e a tutti noi e, anche su questo fronte, il Governo passerà dalle parole ai fatti, con interventi concreti in favore del territorio”.

 

Lo dichiarano i rappresentanti della Lega nella Commissione Agricoltura del Senato, senatori Gianpaolo Vallardi (presidente), Giorgio Maria Bergesio (capogruppo), Rosellina Sbrana, Paolo Ripamonti.

MANOVRA, BERGESIO E GASTALDI: LEGA AL FIANCO DEI COMUNI, SOSTEGNO CONCRETO AGLI ENTI PUBBLICI

 

Roma, 22 dic. - "La Lega al fianco degli enti locali. Nella manovra, una boccata di ossigeno per le casse dei comuni, con contributi per un massimo di 400 milioni di euro nel 2019 per i comuni fino a 20 mila abitanti. Nello specifico 40 mila euro per quelli fino a duemila abitanti, 50 mila euro tra i due e cinque mila abitanti, 70 mila euro tra i cinquemila e i diecimila abitanti e 100 mila euro per gli enti dai diecimila e ventimila abitanti.  Una risposta concreta alle esigenze delle comunità e dei territori, che consente ai comuni di investire e fare manutenzione su strade, scuole, edifici pubblici e patrimonio comunale. A questo intervento decisivo, si affiancano la prima soglia per gli affidamenti diretti da 40 mila a 150 mila euro e la seconda soglia a 350 mila euro, per accelerare l'esecuzione dei lavori, lo sblocco dell'avanzo di amministrazione per i comuni virtuosi e, ultimo ma non in ordine di importanza, lo sblocco del bando periferie. Queste risorse, che per la sola provincia di Cuneo valgono circa 11 milioni di euro e verranno assegnate a 244 comuni su 250 presenti, si aggiungono a quelle liberate con la possibilità di spesa degli avanzi di bilancio 2017 non vincolati. Una serie di misure che evidenziano l'attenzione verso gli enti locali sempre in prima fila, il territorio e le imprese. Ancora una volta, la Lega e il Governo passano dalle parole ai fatti".

 

Lo dichiarano il sen. Giorgio Maria Bergesio e l'on. Flavio Gastaldi, parlamentari della Lega.

MANOVRA, BERGESIO: NOVITÀ PER TRACCIABLITÀ E TUTELA DELLE PRODUZIONI NAZIONALI, AGEVOLAZIONI FISCALI PER TARTUFO E PRODOTTI NON LEGNOSI

 

 

Roma, 22 dic. - "Nella manovra sono previste importanti novità per il settore della raccolta di prodotti non legnosi del bosco o selvatici - tartufi, funghi, erbe officinali, piccoli frutti, bacche. Le misure riguardano soprattutto l’aumento della franchigia Iva e Irpef da € 5000 a € 7000 a fronte di un pagamento di un sostituto d’imposta pari a 100€ all’anno per i raccoglitori occasionali che commercializzano i prodotti selvatici. Una nuova normativa fiscale del settore, voluta per mettere in evidenza il diffuso mercato informale presente in Italia e facilitare le produzioni selvatiche nazionali che potranno avere i documenti necessari, ovvero la tracciabilità, per dimostrare l’origine dei prodotti. Le materie prime nazionali saranno più competitive nei confronti di prodotti esteri di cui, quasi sempre, non si conosce il luogo di raccolta. Grazie a queste novità, la bilancia commerciale italiana del settore potrà nuovamente pendere a favore delle produzioni nazionali. Per il settore del tartufo, inoltre, diminuisce dal 10% al 5% l’aliquota IVA per la cessione di prodotto fresco, e dal 22% al 10% per tutti i prodotti a base di tartufo, al fine di allineare le aliquote nazionali con quelle dei principali competitori nazionali, come Francia e Spagna. La modifica dell’impianto fiscale della raccolta di prodotti selvatici consentirà di far recuperare quote di mercato Europeo all’Italia, che in un decennio è passata da 92% al 40%. Dalle parole ai fatti, una serie di risultati importanti grazie all'impegno dei parlamentari della Lega, del Ministro Gian Marco Centinaio e di tutto il Governo".

 

Lo dichiara Giorgio Maria Bergesio, Senatore della Lega, capogruppo della Lega in Commissione Agricoltura.

 AUTONOMIA, SENATORI PIEMONTESI LEGA: BENE GOVERNO, RAMMARICO PER IL RITARDO DEL PIEMONTE 

 

Roma, 21 dic - "Un plauso e un ringraziamento al vicepremier Matteo Salvini, al ministro Erika Stefani e al Governo che, ancora una volta, passano dalle parole ai fatti. Mantenuta la promessa sull'autonomia, una priorità per il Paese e una storica battaglia della Lega. Da parlamentari eletti sul territorio piemontese, alla gioia per questo ottimo risultato del Governo affianchiamo un po' di rammarico per l'occasione persa dal Piemonte di Chiamparino che, a differenza di altre regioni, poco ha fatto in materia di autonomia. Duole prendere atto del ritardo del Piemonte, che purtroppo si evidenzia in questa fase, dal momento che hanno depositato il dossier solo questa settimana. Ci auguriamo che, con le prossime elezioni del 2019, con l'aiuto dei cittadini si possa rimediare agli errori e alle scelte sbagliate del PD che guida la Regione, garantendo un cambio di passo decisivo su tematiche fondamentali per il territorio e per la comunità, a cominciare proprio dall'autonomia".

 

Lo dichiarano i senatori piemontesi della Lega Giorgio Maria Bergesio, Marzia Casolati, Roberta Ferrero, Enrico Montani, Cesare Pianasso.

RAI PARLAMENTO, BERGESIO: BENE PRIMO CONFRONTO CON TESTATA, ACCESSO GARANTISCE PLURALISMO

 

Roma, 12 dic - "Stamani, al termine dei lavori della sottocommissione che presiedo, ho incontrato informalmente il nuovo direttore di Rai Parlamento, Antonio Preziosi, accompagnato dal vicedirettore Fulvio Meconi e dalla caporedattrice Annamaria Baccarelli. Oltre ad un primo confronto sulle analisi circa la gestione operativa appena avviata, ci siamo ritrovati sulla necessità di calendarizzare un'audizione del direttore con la sottocommissione per affinare un importante e fruttuoso percorso di collaborazione. La sottocommissione, dal suo insediamento avvenuto il 16 ottobre scorso, ha accolto un numero complessivo di sessantadue domande di accesso, quarantanove televisive, dodici radiofoniche ed una per il Televideo. La messa in onda delle richieste presentate, iniziata lo scorso 3 dicembre nell'ambito della trasmissione "Spazio Libero" su Rai 3, ha esordito collezionando buoni indici di ascolto ed un ottimo riscontro da parte delle associazioni e degli enti richiedenti nei loro contesti territoriali di riferimento".

 

Così il senatore della Lega Giorgio Maria Bergesio, presidente della Sottocommissione permanente per l'Accesso ai servizi radiotelevisivi.

AGROALIMENTARE, BERGESIO: NO PROFILI NUTRIZIONALI, PRODOTTI NOSTRANI BENE INTERNAZIONALE

 

Roma, 5 dic - "No alla discriminazione dei nostri migliori prodotti, no all'adozione pedissequa dei cosiddetti profili nutrizionali, come vorrebbero l’Organizzazione Mondiale della Sanità e altre nazioni con in testa Brasile e Francia. Va ribadito con forza che i profili nutrizionali sono un metodo di classificazione dei cibi, che punisce quelli con maggiori quantità di grassi, sale e zuccheri, a prescindere dalla loro qualità generale ed al resto degli ingredienti che li compongono. Non possiamo consentire che motivazioni di tipo commerciale e industriale, arrivino a imporre agli italiani una banalizzazione della dieta come mera somma di componenti chimiche. A queste considerazioni concernenti la salute, vanno aggiunte quelle di ordine economico: il comparto alimentare in Italia, costituisce quasi un decimo del Pil e occupa più di tre milioni di persone in oltre 1,3 milioni di aziende. Un gran numero dei nostri prodotti d’esportazione verrebbe etichettato quindi come nocivo per la salute, causando non solo una sicura contrazione delle vendite delle nostre eccellenze all’estero, ma anche un gravissimo danno alla reputazione del made in Italy. Abbiamo quindi il dovere di opporci a questa risoluzione e lo facciamo votando convintamente la mozione della maggioranza, in difesa della nostra salute, delle le nostre tradizioni e della la nostra economia".

 

Lo dichiara il senatore Giorgio Maria Bergesio, capogruppo della Lega in Commissione Agricoltura, esprimendo voto favorevole all'ordine del giorno a difesa dell'agroalimentare italiano approvato stamani a Palazzo Madama. 

SALUZZO, SUCCESSO PER L'INCONTRO "LA LEGA E I 6 MESI DI GOVERNO"

 

Saluzzo, 4 dic. - La sera di lunedì 3 dicembre a Saluzzo è stata per la Lega l’occasione per fare il punto sui 6 mesi di Governo appena passati. Il Senatore Giorgio Maria Bergesio e l’Onorevole Flavio Gastaldi si sono confrontati con un centinaio di persone su problematiche locali e nazionali.

 

“Il confronto con la popolazione rappresenta la base del nostro modo di fare politica - commenta il Senatore Bergesio - Solamente ascoltando le esigenze dei cuneesi riusciremo a portare avanti un’azione di Governo concreta ed efficace. Gli incontri, quali quello di questa sera, rappresentano l’occasione di presentare meglio i tanti provvedimenti portati avanti in prima persona dal nostro Segreto Matteo Salvini: basti dire che Decreto Sicurezza non sta solo per lotta all’immigrazione, ma anche maggiore tutela per l’incolumità dei cittadini oppure maggiori risorse per le forze dell’ordine”.

 

“Nei prossimi mesi ci faremo promotori di altre iniziative simili su tutto il territorio cuneese - continua l’Onorevole Gastaldi - Invitiamo inoltre chiunque intenzionato a partecipare alla manifestazione indetta da Matteo Salvini per l’8 dicembre prossimo a Roma”. “Con riferimento a tale evento - conclude Bergesio - abbiamo organizzato pullman da tutta la Granda consapevoli dell’importanza della vicinanza al nostro Ministro dell’Interno”.

NUOVA STAGIONE SCIISTICA, BERGESIO: PROVINCIA DI CUNEO RIPARTE CON IL PIEDE GIUSTO


Roma, 3 dic - È stata presentata ad Entracque la stagione sciistica 2018/2019 dei comprensori sciistici della provincia di Cuneo che può vantare 15 stazioni sciistiche delle Alpi di Cuneo, con 20 centri fondo, per un totale di oltre 350 km per lo sci alpino e 280 km per lo sci nordico. "Una serata straordinaria, la provincia di Cuneo si rilancia nel migliore dei modi con il turismo invernale - ha detto nel corso della serata il senatore della Lega Giorgio Maria Bergesio - un grosso ringraziamento deve andare sicuramente a tutti coloro che investono in questo mondo, alle famiglie, agli operatori e più in generale a tutti coloro che credono in questo turismo". Il senatore ha poi sottolineato l'importanza strategica di questo settore in ogni altro ambito da quello gastronomico a quello dei trasporti. Nicola Dalmasso, Presidente di Cuneo Neve, marchio di Confindustria Cuneo, ha ricordato l’importanza di fare sistema e la necessità di fare squadra tra tutte le stazioni sciistiche del territorio della provincia Granda. Durante la presentazione il Comitato FISI Alpi Occidentali ha premiato con due targhe gli atleti Matteo Vegezzi Bossi e Stefano Canavese, che, dopo i risultati ottenuti nei Campionati Italiani e nella Coppa Italia di biathlon 2017-2018, sono passati dalle squadre del Comitato FISI Alpi Occidentali e dello Sci Club Entracque Alpi Marittime all’organico del Gruppo Sportivo Fiamme Gialle della Guardia di Finanza. Alla serata hanno partecipato numerose autorità, tra cui il Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, l’assessore regionale alla Montagna Alberto Valmaggia, il Presidente della Camera di commercio di Cuneo Ferruccio Dardanello, il Prefetto di Cuneo Giovanni Russo, il Vicepresidente della FISI Pietro Marocco e i vertici della locale Atl rappresentata, tra gli altri, dal presidente Mauro Bernardi e dal direttore Paolo Bongiovanni.

INDUSTRIA, SENATORI LEGA: STABILIMENTI MAHLE GMBH IN PIEMONTE, MINISTERO PONGA MASSIMA ATTENZIONE

 

Roma, 30 nov. - “Abbiamo presentato un’interrogazione al ministro Di Maio per fare luce sulla situazione che coinvolge i livelli occupazionali negli stabilimenti Mahle GmbH, azienda leader nel settore della componentistica automobilistica, presente in Italia, e specificatamente in Piemonte, a La Loggia (Torino) e Saluzzo (Cuneo) e che impiegano un totale di circa 500 dipendenti. Come riferito dalle associazioni sindacali coinvolte, il piano industriale presentato dall'azienda tedesca non prevede adeguati investimenti in Italia, comportando un depotenziamento per i siti produttivi presenti sul territorio italiano; in aggiunta a ciò nello stabilimento di Saluzzo, nel 2018, il ricorso alla cassa integrazione ordinaria ha coinvolto un numero compreso tra i 50 ed i 200 operai sui 200 totali. Se si aggiunge a quanto sopra che nel medesimo stabilimento vengono prodotti componenti per motori diesel, settore in grande contrazione, considerazione che genera preoccupazione per il futuro dello stabilimento alla luce dei mancati investimenti su nuove produzioni, gli interroganti necessitano di sapere se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza della situazione, e quali azioni di propria competenza intenda adottare a tutela dei livelli occupazionali degli stabilimenti di La Loggia e Saluzzo”.

Lo dicono in una nota i senatori della Lega Bergesio, Casolati, Ferrero, Montani e Pianasso.

RAI PARLAMENTO, BERGESIO: CON SPAZIOLIBERO TORNA SERVIZIO PUBBLICO

 

Roma, 29 nov. - "Dopo la pausa di una legislatura su Rai Parlamento torna Spaziolibero, storica rubrica dedicata al mondo dell'associazionismo che ha l'obiettivo di raccontare le istanze della società civile, del no-profit, del sociale, oltre a quelle dell’economia, della ricerca e della cultura. A regolare i requisiti dei partecipanti al programma è chiamata la Commissione parlamentare di Vigilanza sulla Rai, in particolare la sottocommissione permanente per l'Accesso, da me presieduta; ci siamo attivati da subito insieme agli uffici per ripristinare questo programma così da dare di nuovo una voce nelle istituzioni alle più importanti associazioni di categoria, enti, e fondazioni".


Lo ha dichiarato il Presidente della sottocommissione permanente per l'Accesso e senatore della Lega Giorgio Maria Bergesio.

RAI, PROBLEMI DI RICEZIONE IN VAL VIGEZZO, BERGESIO PRESENTA QUESITO IN COMMISSIONE VIGILANZA

 

Roma, 21 nov. - "Numerose comunità impossibilitate a ricevere il segnare televisivo Rai a causa del maltempo, una situazione che va affrontata e risolta.Ho raccolto la segnalazione del Senatore Enrico Montani, che ha dato ascolto alle voci dei cittadini della Val Vigezzo - nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola - in merito all'impossibilità di ricevere il segnale del multiplex 1 che diffonde Rai 1, Rai 2, Rai 3 TGR Piemonte e Rai News a seguito delle prime nevicate che hanno interessato l'area nei giorni scorsi. Questo disservizio si ripresenta, nella Val Vigezzo, ogni qual volta si verificano nevicate, anche non abbondanti, e i problemi di interferenza del segnale in molte aree del Piemonte sono ormai acclarati: per questo motivo, ho presentato un quesito alla Società Concessionaria, per sapere se sia a conoscenza del problema e per sollecitare un suo intervento per risolvere i problemi relativi alla ricezione, così da consentire ai cittadini delle aree interessate una corretta fruizione del servizio pubblico radiotelevisivo".

 

Lo dichiara Giorgio Maria Bergesio, Senatore della Lega, componente della Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi, Presidente della Sottocommissione permanente per l'accesso.

DL SICUREZZA, BERGESIO: PROROGA ESONERO CERTIFICAZIONE ANTIFMAFIA FINO A 25000 EURO SOSTEGNO REALE AD AZIENDE


Roma, 7 nov - "Con l'approvazione odierna del decreto sicurezza da parte del Senato viene ratificata la proroga al 31 dicembre del 2019 dell'esonero dalla presentazione della certificazione antimafia per le aziende agricole che abbiano prodotto istanza o siano titolari a vario titolo di aiuti Pac fino a 25.000. Ciò è stato possibile grazie ad un emendamento presentato dalla Lega che pone fine ai timori di molti piccoli produttori di doversi scontrare con una burocrazia che frena il recepimento di risorse in molti casi vitali per la sopravvivenza delle aziende. Per queste realtà produttive, dunque, l’obbligo di acquisizione dell’informativa antimafia e della comunicazione scatterà quindi dal 1 gennaio 2020". Lo afferma in una nota, esprimendo piena soddisfazione, il Capogruppo Lega in Commissione Agricoltura al Senato Giorgio Maria Bergesio. "Si trattava di un peso burocratico che avrebbe gravato su 135.000 imprenditori agricoli in Italia per un importo medio erogato ciascuno tra i 10 ed i 15.000 euro medi. Bene ha fatto la commissione prima e l’aula dopo ad approvare la modifica portando il limite da 5.000 a 25.000 euro. I problemi veri con la certificazione antimafia non sono da rinvenirsi tra questi piccoli produttori che lavorano la terra con enormi sacrifici. La soddisfazione aumenta se consideriamo che solo in Piemonte sono oltre 9.300 le piccole aziende agricole che godranno di questa modifica di cui oltre 3.500 in provincia di Cuneo. Ora siamo in attesa dell’approvazione definitiva della Camera dei Deputati che, confidiamo, non andrà a modificare questa importante abrogazione burocratica".

DL Dignità, Bergesio: Reintroduzione voucher in agricoltura e turismosegnale presenza del governo

"La reintroduzione dei voucher nel settore agricolo e in quello turistico testimoniano la volontà del governo del cambiamento di garantire la produzione anche con lavori occasionali, purché legali, con contributi certi e tutele sicure. Le nostre comunità, i nostri piccoli paesi che si sostentano con l'agricoltura e con l'ospitalità, e che rappresentano un valore per le economie locali e non solo, chiedevano un segnale di vicinanza e di sensibilità alle aspettative di settore. I voucher ed il loro utilizzo circoscritto e controllato rappresentano proprio questo: ridare fiato al settore, coniugando legalità e impresa, cercando di porre rimedio alle politiche lacunose e distanti dai bisogni dei cittadini che i governi del Pd hanno negli anni prodotto". Lo dice in una nota il senatore Giorgio Maria Bergesio, capogruppo Lega in Commissione Agricoltura, a commento dell'approvazione del decreto dignità in Senato.

 

Milleproroghe, Bergesio: Bene rinvio introduzione ricetta elettronica veterinaria

 

"Mantenere alta l'attenzione sugli obblighi professionali dei veterinari, fare il bene dello Stato, e porre il giusto ascolto alle esigenze della categoria, manifestando cura a chi lavora nei territori, a difesa degli animali e della loro salute. È questo lo spirito della proroga di tre mesi dalla data prevista dell'introduzione della ricetta elettronica veterinaria consentendo a tutti i professionisti di provvedere all'ammodernamento dei gestionali con le dovute accortezze e ponendosi in linea anche con le aspettative europee. Questo significa contestualmente coniugare le esigenze del legislatore con quelle delle categorie, consentendo al Parlamento di ottemperare alle istanze di regolamentazione senza indugiare in frettolosi provvedimenti che rischiano di scontentare e di aggiungere confusione anzichè chiarezza e fluidità dei provvedimenti. Rimango convinto che la Camera, dove passa ora il disposto, saprà mantenerne l'impianto originale senza stravolgimenti". Lo dice il senatore Giorgio Maria Bergesio, capogruppo Lega in Commissione Agricoltura, a margine dell'approvazione del decreto "milleproroghe".

SENATORI

MASSIMILIANO ROMEO

NEWS       VIDEO

PAOLO TOSATO

NEWS       VIDEO

ENRICO MONTANI

NEWS       VIDEO

STEFANIA PUCCIARELLI

NEWS       VIDEO

CRISTIAN SOLINAS

NEWS       VIDEO

PAOLO ARRIGONI

NEWS       VIDEO

ROBERTO CALDEROLI

NEWS       VIDEO

LUIGI AUGUSSORI

NEWS       VIDEO

ALBERTO BAGNAI

NEWS       VIDEO

CLAUDIO BARBARO

NEWS       VIDEO

GIORGIO MARIA BERGESIO

NEWS       VIDEO

ANNA CINZIA BONFRISCO

NEWS       VIDEO

LUCIA BORGONZONI

NEWS       VIDEO

GIULIA BUONGIORNO

NEWS       VIDEO

STEFANO BORGHESI

NEWS       VIDEO

SIMONE BOSSI

NEWS       VIDEO

UMBERTO BOSSI

NEWS       VIDEO

LUCA BRIZIARELLI

NEWS       VIDEO

FRANCESCO BRUZZONE

NEWS       VIDEO

MAURIZIO CAMPARI

NEWS       VIDEO

STEFANO CANDIANI

NEWS        VIDEO

MASSIMO CANDURA

NEWS       VIDEO

MARIA CRISTINA CANTÚ

NEWS       VIDEO

MARZIA CASOLATI

NEWS       VIDEO

GIAN MARCO CENTINAIO

NEWS           VIDEO

WILLIAM DE VECCHIS

NEWS       VIDEO

ANTONELLA FAGGI

NEWS       VIDEO

ROBERTA FERRERO

NEWS       VIDEO

SONIA FREGOLENT

NEWS       VIDEO

UMBERTO FUSCO

NEWS       VIDEO

TONY IWOBI

NEWS       VIDEO

RAFFAELLA MARIN

NEWS       VIDEO

ROBERTO MARTI

NEWS       VIDEO

TIZIANA NISINI

NEWS       VIDEO

ANDREA OSTELLARI

NEWS       VIDEO

GIULIANO PAZZAGLINI

NEWS       VIDEO

EMANUELE PELLEGRINI

NEWS       VIDEO

PASQUALE PEPE

NEWS       VIDEO

SIMONA PERGREFFI

NEWS       VIDEO

CESARE PIANASSO

NEWS       VIDEO

SIMONE PILLON

NEWS       VIDEO

DAISY PIROVANO

NEWS       VIDEO

PIETRO PISANI

NEWS       VIDEO

MARIO PITTONI

NEWS       VIDEO

NADIA PIZZOL

NEWS       VIDEO

PAOLO RIPAMONTI

NEWS       VIDEO

ERICA RIVOLTA

NEWS       VIDEO

GIANFRANCO RUFA

NEWS       VIDEO

MATTEO SALVINI

NEWS       VIDEO

MARIA SAPONARA

NEWS       VIDEO

PAOLO SAVIANE

NEWS       VIDEO

ROSELLINA SBRANA

NEWS       VIDEO

ARMANDO SIRI

NEWS       VIDEO

ERIKA STEFANI

NEWS       VIDEO

DONATELLA TESEI

NEWS       VIDEO

GIANPAOLO VALLARDI

NEWS       VIDEO

MANUEL VESCOVI

NEWS       VIDEO

CRISTIANO ZULIANI

NEWS       VIDEO

Stampa Stampa | Mappa del sito
© GRUPPO LEGA NORD E AUTONOMIE PIAZZA MADAMA 1 00186 ROMA Partita IVA: